по оригиналам
по переводам
Поиск стихотворения-оригинала
Поиск стихотворения-перевода

RIME 67. E' M'INCRESCE DI ME SÌ DURAMENTEДанте Алигьери

E’ m’incresce di me sì duramente...
5 мин.
8
0
0
E’ m’incresce di me sì duramente,
ch’altrettanto di doglia
mi reca la pietà quanto 'l martirio,
lasso, però che dolorosamente
5sento contro mia voglia

raccoglier l’aire del sezza’ sospiro
entro ’n quel cor che i belli occhi feriro
quando li aperse Amor con le sue mani
per conducermi al tempo che mi sface.
10Oimè, quanto piani,

soavi e dolci ver me si levaro,
quand’elli incominciaro
la morte mia, che tanto mi dispiace,
dicendo "Nostro lume porta pace"!
15"Noi darem pace al core, a voi diletto"

diceano a li occhi miei
quei de la bella donna alcuna volta;
ma poi che sepper di loro intelletto
che per forza di lei
20m’era la mente già ben tutta tolta,

con le insegne d’Amor dieder la volta;
sì che la lor vittoriosa vista
poi non si vide pur una fiata:
ond’è rimasa trista
25l’anima mia che n’attendea conforto,

e ora quasi morto
vede lo core a cui era sposata,
e partir la convene innamorata.
Innamorata se ne va piangendo
30fora di questa vita

la sconsolata, ché la caccia Amore.
Ella si move qinci sì dolendo,
ch’anzi la sua partita
l’ascolta con pietate il suo fattore.
35Ristretta s’è entro il mezzo del core

con quella vita che rimane spenta
solo in quel punto ch’ella si va via;
e ivi si lamenta
d’Amor, che fuor d’esto mondo la caccia;
40e spessamente abbraccia

li spiriti che piangon tuttavia,
però che perdon la lor compagnia.
L’imagine di questa donna siede
su ne la mente ancora,
45là ’ve la pose quei che fu sua guida;

e non le pesa del mal ch’ella vede,
anzi vie più bella ora
che mai e vie più lieta par che rida;
e alza li occhi micidiali, e grida
50sopra colei che piange il suo partire:

"Vanne, misera, fuor, vattene omai!".
Questo grida il desire
che mi combatte così come sole,
avvegna che men dole,
55però che ’l mio sentire è meno assai

ed è più presso al terminar de’ guai.
Lo giorno che costei nel mondo venne,
secondo che si trova
nel libro de la mente che vien meno,
60la mia persona pargola sostenne

una passion nova,
tal ch’io rimasi di paura pieno;
ch’a tutte mie virtù fu posto un freno
subitamente, sì ch’io caddi in terra,
65per una luce che nel cuor percosse:

e se ’l libro non erra,
lo spirito maggior tremò sì forte,
che parve ben che morte
per lui in questo mondo giunta fosse:
70ma or ne incresce a quei che questo mosse.

Quando m’apparve poi la gran biltate
che sì mi fa dolere,
donne gentili a cu’ i’ ho parlato,
quella virtù che ha più nobilitate,
75mirando nel piacere,

s’accorse ben che ’l suo male era nato;
e conobbe ’l disio ch’era creato
per lo mirare intento ch’ella fece;
sì che piangendo disse a l’altre poi:
"Qui giugnerà, in vece
80d’una ch’io vidi, la bella figura,

che già mi fa paura;
che sarà donna sopra tutte noi,
tosto che fia piacer de li occhi suoi".
85Io ho parlato a voi, giovani donne,

che avete li occhi di bellezze ornati
e la mente d’amor vinta e pensosa,
perché raccomandati
vi sian li detti miei ovunque sono;
90e ’nnanzi a voi perdono

la morte mia a quella bella cosa
che me n’ha colpa e mai non fu pietosa.
без даты
Печать
Жалоба
Респект автору !
Мне нравится !
предложить метку
Чтобы создать запись, пожалуйста, войдите или создайте аккаунт
Altre rime del tempo della Vita Nuova

Аудио

К сожалению аудио пока нет...

Анализ стихотворения

К сожалению анализа стихотворения пока нет...

Отзывы

Написать отзыв
Чтобы создать запись, пожалуйста, войдите или создайте аккаунт
Поделиться :
Использование сайта означает согласие с пользовательским соглашением
Оплачивая услуги, Вы принимаете оферту
Информация о cookies
Ждите...